CHI SIAMO I PRESIDENTI IL DIRETTIVO 2017-18 2016-17
CHI SIAMO
I PRESIDENTI
IL DIRETTIVO
2017-18
2016-17
2015-16
LEO CLUB CATANIA HOST
LO STATUTO
IL REGOLAMENTO
 


2017- 2018
 

ALLACCIAMO LE CINTURE SI PARTE



Giorno 28 ottobre 2017, il Lions ed il Leo Club Catania Host, hanno promosso il Service “I Giovani e la Sicurezza Stradale” dal titolo “Allacciamo le cinture si parte” presso il prestigioso Istituto San Francesco di Sales a Catania.
Nell’aula magna dell’oratorio Salesiano, gremita di giovani studenti, relatori di eccezione, coordinati e moderati dal Presidente Avv. Antonio Bellia, hanno discusso di sicurezza stradale affrontando tutte le tematiche inerenti questa importante tematica.
Ad aprire l’assise, il benvenuto del Preside dell’Istituto Prof. Paolo Fichera che ha sottolineato l’importanza del rapporto strettamente sinergico che deve sussistere tra il mondo della scuola ed i Club service, ogni qualvolta vengono promosse iniziative che tendono ad educare le nuove generazioni al rispetto delle regole ed ai principi di buona cittadinanza.


A seguire, il Presidente del Leo Club Catania Host Francesco Bellia ha presentato il service evidenziando come il tema della sicurezza stradale costituisca una precisa scelta di campo negli obiettivi Lions e Leo anche per l’anno sociale in corso. Ogni anno, infatti, sono circa 13.500 i giovani tra i 15 e i 24 anni che perdono la vita o rimangono invalidi per sempre, condannati in un letto o su una sedia a rotelle a seguito di incidenti stradali. Gli incidenti stradali costituiscono la prima causa di morte per questa fascia di età e, davanti all’entità di questa strage nazionale, i Lions ed i Leo si stanno impegnando per cercare di convincere i giovani a non uccidere e a non uccidersi sulle strade.


Subito dopo il Sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Catania, ha spiegato ai giovani, le innovazioni legislative che hanno interessato il tema della sicurezza stradale, ricordando agli astanti che “la giovane età non significa necessariamente impunità” e che il rispetto della vita umana, in uno con la severità della legislazione vigente impongono a tutti coloro che si accingono a mettersi alla guida l’opportuna attenzione ed avvedutezza.
L’Ing. Armando Belpasso, delegato distrettuale lions per il service, ha tracciato una brillante relazione, che ha suscitato il vivo interesse dei giovani studenti, spiegando con un linguaggio nuovo e persuadente, gli aspetti squisitamente tecnici che normalmente accompagnano il triste fenomeno degli incidenti stradali mettendo in stretta correlazione gli effetti della velocità con i tempi di reazione degli essere umani ed anche con gli spazi di frenata.


Il Prof. Vincenzo Timpano, vicepreside dell’Istituto San Francesco di Sales, ha intrattenuto i ragazzi sul tema delle regole, e sul loro rispetto come scelta di vita. Le regole, spesso, vengono vissute dai giovani come costrizioni, quando vengono imposte dall’alto senza essere accompagnate da argomentazioni condivise. Anzi, spesse volte, la regola in quanto tale suscita nel giovane il desiderio di violarla anche solo per sentirsi originale e non “omolagato”.
A seguire il Dott. Antonio Barbaro Parisi, componente del Team distrettuale Lions sul tema “I giovani e la sicurezza stradale”, con una interessantissima relazione ha spiegato gli influssi nefasti che l’abuso di sostanze psicogene (alcool, droghe e farmaci) possono determinare nella capacità dei guidatori di essere presenti a se stessi, senza costituire un pericolo per la pubblica e privata incolumità.


A destare particolarmente l’attenzione di tutti i presenti è stata la relazione dell’Ispettore Capo della Polizia di Stato, Dott. Gabriele Ferraro che con filmati e videoclips ha messo alla prova i giovani con prove pratiche di multitasking evidenziando la caducità degli esseri umani, in quanto tali, anche quando credono di agire e muoversi in una perfetta sintonia spazio-temporale e, quindi, in condizioni di presupposta sicurezza.


Successivamente l’istruttore di guida Carmelo Fravventura ha distribuito ai giovani un quiz di 40 domande quasi analogo a quello che viene sottoposto agli esaminandi al momento del conseguimento della patente di guida; una vera e propria prova teorica che vedrà premiati i primi tre studenti più meritevoli.
A chiudere l’incontro i rappresentanti dei rispettivi Distretti Leo e Lions 108yb.
Per il Distretto Leo hanno preso la parola il delegato al service “I GIOVANI E LA SICUREZZA STRADALE” Alessandro Lipera ed il Presidente del Distretto Leo108yb Walter Mavica che ha plaudito la notevole iniziativa del Leo Club Catania Host sempre presente sul territorio quando c’è da “educare” i giovani al senso civico ed al rispetto delle regole.
Per il Distretto Lions, invece, sono intervenuti: il Presidente della zona 11 in sede Salvatore Cristaudo, che ha sottolineato la compostezza e l’attenzione dimostrata dai giovani presenti all’incontro, segno evidente che quando i giovani vengono chiamati al dialogo, alla riflessione ed al confronto rispondono sempre con entusiasmo e partecipazione; ed il Presidente della IV Circoscrizione in sede Avv. Giorgia Gruttadauria che si è complimentata con il Lions Club Catania Host per aver promosso e varato un Service che costituisce un chiaro esempio di lionismo concreto tra i giovani e per i giovani.
Orazio Somma addetto stampa Lions Club Catania Host


UN TUFFO NEL MEDIOEVO


Domenica 08 ottobre 2017 i soci del Lions Club Catania Host, grazie al prezioso contributo di Roberto Russo, Leo Advisor ed Officer di Club, si sono recati in gita a Randazzo per scoprire il vero volto della cittadina medioevale, con  una visita guidata ai ricchi monumenti di quella che fu una delle città più importanti della Sicilia. Meta di imperatori e di papi, Randazzo seppe conquistarsi un posto d’onore tra le città siciliane e le varie stirpi che ragnarono in Sicilia non esitarono ad usarla per soggiornarvi durante i periodi estivi.


Nel pomeriggio, anche la visita guidata al Museo civico di scienze naturali, laddove è stato possibile ammirare la collezione ornitologica Priolo, iniziata nel 1939 da Angelo Priolo e realizzata nell'arco di trent'anni. Originariamente dedicata alla sola avifauna italiana, nel tempo la collezione si è allargata agli uccelli esotici ed è composta attualmente da circa 2000 pezzi. La collezione, particolarmente importante per lo studio dell'avifauna della Sicilia, annovera circa 400 specie diverse e comprende anche uccelli ormai estinti, come il francolino e la gallina prataiola. Di particolare rilievo anche la raccolta geologica, realizzata da Luigi Lino, è composta da fossili, minerali, rocce e conchiglie, raccolti per la maggior parte in Sicilia.


Nella mattinata, i soci del Catania Host hanno assistito anche alle vecchie tradizioni contadine, con una dimostrazione pratica di come si facevano anticamente i formaggi e la ricotta. Il pranzo in un noto ristorante randazzese ha reso ancora più piacevole questa domenica trascorsa in amicizia ed armonia.
Orazio Somma addetto stampa Lions Club Catania Host

UN NUOVO VOLTO PER LA CITTA'
Catania cambia Catania

Ieri 25 settembre 2017 nella Sala delle Conferenze del Palazzo della Cultura di Catania, il L.C. Catania Host ha aperto il proprio anno sociale 2017-18 con una conferenza dal titolo: Un volto nuovo per la città – Catania cambia Catania.


In una sala gremita di pubblico, il consueto rintocco di campana ha segnato l’apertura del nuovo anno di servizio per il primo Club Lions della città di Catania. Il Presidente Antonio Bellia, nel ricordare che questa campana riecheggia, ininterrottamente, da 60 anni per salutare tutti gli avvenimenti di rilievo della nostra comunità, ha ringraziato il Sindaco della Città On. Enzo Bianco per avere scelto il L.C. Catania Host per presentare alla cittadinanza il nuovo progetto di rigenerazione urbanistica e di riqualificazione dell’antico quartiere San Berillo posto al centro della città.


Il principio di sussidiarietà tanto caro a noi Lions, ha continuato il Presidente Bellia, trova concreto compimento nel promuovere i principi di buon governo e di buona cittadinanza, e nell’essere parte attiva del benessere civico, culturale, sociale e morale della comunità. I Lions, quando occorre sanno essere un “pungolo gentile” per le Istituzioni, ma devono anche saper camminare al loro fianco, e fungere da cassa di risonanza, quando cambiamenti epocali si intravedono all’orizzonte.
Si tratta di un’opera grandiosa, ha tenuto a sottolineare il sindaco, che cambierà il volto della città di Catania per gli anni a venire, una vera e propria rivoluzione urbanistica e culturale, che sanerà una delle ferite mai ricucite del tessuto urbano cittadino. Un’opera attesa da oltre 50 anni, dopo l’esodo imposto a quasi 20.000 catanesi che negli anni ‘50 lasciarono le loro case per trasferirsi nel nuovo quartiere di San Leone, in attesa che prendesse corpo la nuova City.
Enzo Bianco, in passato socio Lions, ha pure sottolineato, che per ottenere una costante crescita morale ed etica delle nostre comunità, è necessario che si crei una maggiore sinergia tra l’associazionismo di servizio e la pubblica amministrazione, con incontri e confronti periodici, perché è nei Club Services che risiede il vero cuore pulsante della società civile.
A moderare l’incontro, con garbo e competenza, è stato l’Ing. Biagio Bisignani, Direttore della Direzione Urbanistica del Comune di Catania, Officer del L.C. Catania Host che ha ricostruito le tappe “storiche” di quella che rischiava di diventare “l’eterna incompiuta” della città di Catania, che caratterizzava ed alimentava il degrado e l’abbandono, anche culturale, di una vasta parte della città.
Di particolare rilievo, sono stati anche gli interventi dell’Assessore all’Urbanistica Salvatore Di Salvo, e del Direttore Generale del Comune di Catania Antonella Liotta, che hanno messo in risalto il nuovo percorso seguito dall’amministrazione comunale nel voler perseguire risultati ambiziosi senza tralasciare i valori etici di riferimento. Per la prima volta in Italia, un protocollo di legalità, fortemente voluto dal comune di Catania, stilato sotto la costante vigilanza dell’ANAC di Raffaele Cantone, ha accompagnato tutto l’iter amministrativo fin dal suo insorgere, perché trovasse compimento la sempre agognata sinergia tra interesse pubblico e interesse privato.
Anche gli ordini professionali di Ingegneria e Architettura hanno voluto fare sentire la loro voce, con gli interventi dei rispettivi Presidenti: Giuseppe Platania e Alessandro Amaro, che hanno rivendicato per i loro iscritti, soprattutto per i più giovani, un maggiore coinvolgimento umano e professionale, in considerazione dell’ovvia ricaduta sul piano occupazionale che questi lavori avranno.
Aldo Palmeri, per l’ISTICA, la parte privata coinvolta, con una brillante quanto appassionata relazione, ha evidenziato le grandi potenzialità di sviluppo che la realizzazione di quest’opera può offrire sul territorio, mentre i Past Governatori del Distretto Lions 108yb, Lucio Vacirca ed Antonio Pogliese, nel lodare l’iniziativa ed il coraggio mostrato dagli operatori economici di riferimento ad investire nella città e per la città, hanno sottolineato la necessità che un progetto di così vasta portata venga accompagnato da un piano organico di sviluppo che favorisca la rinascita globale dell’intera città, e che scongiuri la desertificazione commerciale ed economica delle altre aree cittadine a favore dell’insorgente nuovo rione San Berillo.



La relazione più attesa della serata, senza ombra di dubbio, è stata quella del noto architetto di fama internazionale Mario Cucinella, che ha illustrato con tavole e slide i connotati più salienti del suo grandioso progetto. Entro poco tempo, ha sottolineato il Cucinella, il centro città vedrà l’insorgere di nuovi spazi a verde, e la creazione di un meraviglioso boulevard che collegherà il centro della città al mare, ricco di parchi ed infrastrutture all’insegna della eco-sostenibilità, con la costruzione di teatri, alberghi, scuole, negozi e quant’altro.
A chiudere la prestigiosa assise è stato il Past Presidente del Consiglio dei Governatori del Multidistretto Lions Italia, Salvatore Giacona che nel complimentarsi con il Presidente per avere messo in campo una tematica d’indubbio interesse generale ha concluso: “Io sono certo che, questa iniziativa non rimarrà fine a sé stessa, ritenendola invece il preannuncio e la premessa di una ulteriore fase attuativa come tale tesa a tradursi in service da svolgere nell’ambito del prestigioso riassetto del San Berillo anche insieme alle altre forze vive della comunità e in stretto collegamento con le istituzioni, la cui presenza apicale di stasera costituisce non solo apprezzamento ma anche segnale inequivocabile di condivisione e certezza di compartecipazione per la sua realizzazione.”.

apertura4


 _____________________________________________________________________

Premio Taormina Gold 2017



Domenica 16 luglio 2017 a Taormina, nella centralissima piazza IX Aprile, gremita più che mai, è stato presentato il “Premio Taormina Gold 2017”, una magica serata di moda e costume, fortemente voluta dalla organizzatrice di eventi Gianna Azzaro,  giunta alla sua quarta edizione.
La manifestazione patrocinata dalla Fondazione Internazionale Lions, sotto l’egida del suo pigmalione, il Dott. Maurizio Gibilaro, neo Segretario Distrettuale del Distretto Lions 108yb Sicilia,  alla mondanità ed al glamour legava anche il nobile scopo di debellare definitivamente il morbillo, attraverso l’acquisto di vaccini monodose da distribuire nei paesi più poveri del pianeta, dove il morbillo è ancora oggi causa di mortalità soprattutto tra i giovanissimi.
La serata è stata condotta da Patrizia Pellegrino e Stefano Masciarelli, ed è stata patrocinata dal Comune di Taormina, dal Lions Club Taormina e dal Lions Club Catania Host, che proprio quest’anno festeggia 60 anni dalla sua fondazione, mentre sul proscenio sfilavano nomi illustri, abiti da sogno e personaggi famosi.
Tra i premiati personaggi di prim'ordine dello spettacolo, della moda, dell’imprenditoria e della ricerca scientifica:  l’attrice Debora Caprioglio; il compositore Matteo Musumeci figlio del grande Tuccio; l’imprenditore nel settore turistico Salvatore La Mantia; il Dr. Alfio Scalisi chirurgo plastico el’imprenditore Roberto Fronte titolare del centro Capelli Europeo.
A premiare il Dott. La Mantia è stato il Past Presidente del Consiglio dei Governatori del Multidistretto Italia del Lions Club International, Avv. Salvatore Giacona, che ha sottolineato l'importanza del lavoro svolto dal La Mantia nel far risorgere dalle ceneri del famosissimo Centro Turistico alberghiero "La Perla Jonica"  il nuovo "Hilton Hotel Capo Mulini" prossimo all'apertura.
Per la ricerca scientifica e per la medicina a ricevere l’ambito premio sono stati: il Prof. Filippo Drago farmacologo e Direttore del dipartimento di Scienze Biomediche e biotecnologiche dell’Università di Catania, ed il Prof. Carmelo Privitera, Presidente della Società italiana di radiologia.
Per la moda, infine sono stati premiati: lo stilista Gerardo Sacco, orafo delle dive; lo stilista delle spose Gianni Molaro; la maison Emilio PUCCIl’Avv. Caterina Celestino, portavoce dell’azienda calabrese Celestino.
L’azienda Celestino, che sotto la guida dello stilista Claudio Greco, si è rinnovata ha fatto il pieno di complimenti ed apprezzamenti su uno dei palcoscenici più importanti e prestigiosi dell’estate italiana: Taormina, che di recente è stata anche sede del G7.


A premiare la casa di moda calabrese, è stato il Presidente del Lions Club Catania Host, Avv. Antonio Bellia, che si è detto felice di poter premiare una azienda che ormai si annovera tra le eccellenze dell’industria manifatturiera e tessile italiana; il Presidente Bellia ha sottolineato come il Lions International promuova da sempre, su scala internazionale, la formazione di una nuova leadership, che sappia unire alle eccellenze delle opere anche l’etica della buona cittadinanza per il perseguimento di una società sempre più giusta e solidale.
Infine, il Dott. Maurizio Gibilaro nel chiudere la kermesse ha sottolineato come il Premio Gold Taormina sia diventato una realtà imprescindibile nel panorama delle attività di promozione e sviluppo della nostra realtà sociale ed imprenditoriale, e che manifestazioni come queste servono proprio a dare la giusta visibilità a personaggi di primissimo livello altrimenti dimenticati da questa società sempre più globalizzata e superficiale.
Orazio Somma

_______________________________________________________________

Campo Trinacria 2017-18

​​​​​​​IMG_campo_trinacria_15_luglio

Il 15 Luglio, i Lions Club Catania Host, come ogni anno, ha avuto il piacere di incontrare 16 ragazzi provenienti da diversi Paesi del mondo.
I giovani ospiti del Club sono giunti in Sicilia nell’ambito di uno dei progetti più noti del Distretto Lions 108 Yb: il Campo Internazionale degli Scambi Giovanili “Trinacria”.
Il Campo Trinacria è uno dei 15 campi gestiti dal Distretto 108 Italy attraverso i quali vengono organizzati viaggi di interscambio culturale per ragazzi di età compresa tra i 17 e i 21 anni: unico in Sicilia, ha sede a Piazza Armerina dal 1983 ed opera sotto la guida di uno staff di primo livello coordinato dai Responsabili Stefania Trovato e Gabriele Miccichè.
La serata, iniziata nel cortile del Collegio San Tommaso a Linguaglossa con la presentazione dei giovani ospiti e la suggestiva cerimonia di inaugurazione del Campo, con la sfilata delle bandiere, alla presenza dei Presidenti e dei soci dei Club organizzatori, si è conclusa, dopo un breve ringraziamento e scambio di doni, con un rinfresco offerto dai Lions.
Francesco Branca delegato
Scambio Giovanili Campo Trinacria
Site Map